Olio di palma sostenibile

Facciamo parte di RSPO (Roundtable on Sustainable Palm Oil). Collaboriamo attivamente per salvaguardare la coltivazione di olio di palma sostenibile, che rappresenta una sostanza di base naturale rinnovabile di fondamentale importanza per la produzione di detergenti.

L’obiettivo di RSPO è la tutela delle foreste tropicali e dei loro abitanti grazie a una selvicoltura sostenibile delle zone di coltivazione. Lo scopo a livello mondiale è la produzione di olio di palma unicamente sostenibile.

Acquistiamo il nostro olio di palma da tanti piccoli coltivatori indipendenti, i cosiddetti “Mixed Independent Smallholders”, sostenendoli nel passaggio a una produzione sostenibile.

Il Dottor Beat Müller, responsabile Ricerca/Sviluppo di Steinfels Swiss, prende posizione in merito spiegando perché l’azienda opta per l’olio di palma:

Perché usiamo l’olio di palma?

È una sostanza di base per la lavorazione di tante materie prime nel settore alimentare, cosmetico e dei detergenti per la casa. In passato si usava il petrolio, visto però che non era sostenibile, negli anni 80 si è passati all’olio di palma.

Ci sono alternative all’olio di palma?

L’olio di palma vanta il miglior rendimento per superficie coltivata. In alternativa alcuni produttori impiegano l’olio di colza, che ha bisogno di un’area cinque volte maggiore; la materia prima ricavata ha una resa inferiore e di conseguenza anche il dosaggio necessario è più alto. In termini ambientali l’olio di palma ha un rendimento complessivo migliore.

Si può produrre olio di palma a basso impatto ambientale?

È importante che le superfici coltivate già esistenti vengano gestite in un’ottica sostenibile. Senza pesticidi e preservando il suolo dall’erosione, in altre parole: mantenendolo fertile ed evitando di inquinarlo. L’olio di palma è sempre al centro delle critiche perché per produrlo si disboscano intere foreste dell’Asia. Tuttavia non si deve dimenticare che in queste zone è anche la fonte di sostentamento di gran parte della popolazione. A questo proposito: noi, in Europa, abbiamo dato l’esempio. Qui in Svizzera sono state deforestate intere aree boschive a favore di agricoltura e pastorizia.

Cosa significa certificazione RSPO?

Si tratta di un accordo tra produttori e compratori che mira a promuovere la coltivazione sostenibile dell’olio di palma. Le soluzioni tra cui scegliere sono molte.

Per la prima volta abbiamo optato per l’acquisto di olio di palma RSPO prodotto da «Mixed Independent Smallholders», ossia piccoli coltivatori indipendenti. Quali sono i vantaggi?

Questo metodo sostiene aziende agricole minori che altrimenti avrebbero difficoltà a rispettare agli standard richiesti.

RSPO non è ancora arrivata dove vorrebbe arrivare Coop. Qual è l’obiettivo?

Si può sempre migliorare. L’importante è iniziare.

Quindi ritiene che RSPO sia sulla strada giusta?

Sono lontani dalla perfezione, ma la direzione intrapresa è quella giusta. In Svizzera succede un po’ la stessa cosa: molti contadini sono già passati al bio, ma non tutti ancora. E per l’olio di palma la situazione è analoga. Negli ultimi anni abbiamo già fatto grandi passi in avanti.


Herr Dr. Beat Müller
Leiter Forschung/Entwicklung bei Steinfels Swiss

Non perdetevi nulla e siate sempre aggiornati.
Iscriviti alla nostra newsletter.